«Bisogna essere intelligenti per venire a Ibla, una certa qualità d’animo, il gusto per i tufi silenziosi e ardenti, i vicoli ciechi, le giravolte inutili, le persiane sigillate su uno sguardo nero che spia.»
(Gesualdo Bufalino)


 Ragusa Ibla, oggi quartiere  della città di Ragusa, fonda le sue origini nel periodo preistorico. Il nome di Ragusa risale all’epoca bizantina, Rogos ovvero granaio, dovuto alla ricchezza agricola della zona. Nel periodo arabo, il nome divenne Ragus che in arabo significa “luogo famoso per un sorprendente avvenimento” riferendosi probabilmente ad una battaglia. Infine in epoca normanna venne latinizzato in Ragusa, per poi diventare alla fine del XVIII secolo Ragusa.

All’interno della Valle dei Templi, ammirerete alcuni dei più bei templi greci fondati in Sicilia, quali: il Tempio di Hera (Giunone), di Concordia, di Eracle (Ercole), il tempio di Zeus (Giove) e quello di Castore e Polluce.

Il vostro driver vi porterà presso l’ingresso del parco archeologico, lasciandovi liberi di godervi in autonomia la vasta area della Valle dei Templi, e vi attenderà all’uscita. Il costo del biglietto (10€ per persona) è a vostro carico.

Non lontano da Agrigento è possibile visitare la scala dei Turchi, una parete rocciosa di un colore bianco e dalle forme particolari. Il fascino di questo lembo di terra è dato anche dalle storie che si raccontano di incursioni di pirateria da parte dei saraceni.